Terrepadane annulla il Consiglio Direttivo che doveva avviare l'accorpamento


Confagricoltura Piacenza: segnale di consapevolezza, resti prioritario assicurare il futuro a questa ricchezza per il territorio
 
Confagricoltura Piacenza apprende con sollievo la sospensione del Consiglio Direttivo di Terrepadane convocato per il 17 aprile che avrebbe dovuto dare formalmente il via alle operazioni di accorpamento dell’importante società consortile all’interno di un’articolata compagine nazionale.
Auspichiamo che la sospensione sia l’avvio di una pausa di riflessione per meglio approfondire le opportunità di un percorso ad oggi non chiaro e sul quale la base associativa non ha avuto modo di esprimersi, sebbene si tratti di scelte che, come avevamo già avuto modo di sottolineare, impatteranno sull’agricoltura piacentina e dunque sulle imprese e sull’intera economia locale. Scelte che impatteranno anche pesantemente sulle sorti del consistente patrimonio del Consorzio, va ricordato, costituito con lo sforzo e il contributo degli agricoltori piacentini. E’ dunque positivo che ci sia la volontà di condurre una riflessione più approfondita sul progetto.
Nel solco di quanto detto, mossi da un agire comune e lontani da ogni logica di interessi di parte, siamo ancora più disponibili ad agevolare qualunque processo che permetta di mantenere il quartier generale del Consorzio a Piacenza, con la conseguente autonomia e operatività.




  • 19/4/2020   -   255 letture  
  • Stampa questo articolo Stampa