Proroga al 30 giugno per la denuncia alle dogane dei distributori di gasolio


PROROGA AL 30 GIUGNO PER LA DENUNCIA ALLE DOGANE DEI DISTRIBUTORI DI GASOLIO
Confagricoltura Piacenza: bene, ma il gasolio agricolo deve essere esonerato
 
Non è ancora chiaro se i depositi e i distributori di carburante agricolo denaturato a fini non commerciali siano o meno soggetti all’obbligo di denuncia all’Agenzia delle Dogane e Monopoli e all’obbligo della tenuta del registro di carico e scarico, ma al contempo l’Agenzia, con comunicazione del 18 marzo, ha provveduto a notificare la proroga dal 1° aprile 2020 al 30 giugno 2020 della scadenza per la presentazione della denuncia dei depositi e distributori di carburante per usi privati, agricoli e industriali. Il differimento ottempera a quanto sancito nel decreto-legge 17 marzo 2020, n.18, recante “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”, all’art. 62, comma 1, che riguarda, appunto, la sospensione degli adempimenti tributari, diversi dai versamenti, la cui scadenza è ricompresa nel periodo tra l’8 marzo 2020 ed il 31 maggio 2020.
La sospensione dell’efficacia dei termini non riguarda quindi solo gli imprenditori agricoli, ma anche chi effettua operazioni in conto terzi.
Sul tema ad oggi non sono state emanate indicazioni a livello nazionale e Confagricoltura Piacenza evidenzia che risultano comportamenti difformi sul territorio per quanto riguarda l’interpretazione sul campo di applicazione delle disposizioni dell’articolo 25 del TUA come modificato di recente dall’articolo 5 del D.L. 124/2019, convertito nella Legge 157/2019.
“Auspichiamo – sottolinea la nota dell’associazione – che anche gli uffici territorialmente competenti adottino la medesima indicazione espressa dall'Ufficio delle dogane di Ferrara, che ha escluso dai nuovi obblighi i depositi e i distributori di prodotti energetici denaturati, compresi i carburanti denaturati per l’agricoltura di cui al decreto n. 454/2001 ed evidenziamo che altri uffici doganali hanno limitato le indicazioni attuative al solo autotrasporto. Consapevoli dell’emergenza in corso e delle oggettive difficoltà con cui tutti i settori si stanno confrontando, uffici compresi, accogliamo positivamente la proroga e ci auguriamo che entro il prossimo termine sia possibile ottenere indicazioni univoche per tutto il territorio nazionale secondo quando già indicato dall'Ufficio delle Dogane di Ferrara”.
 




  • 26/3/2020   -   132 letture  
  • Stampa questo articolo Stampa