DISOCCUPAZIONE AGRICOLA: DA OGGI VIA ALLE DOMANDE


Modenesi (Confagricoltura): gli uffici del Patronato Enapa sono a diposizione

“Da oggi, 7 gennaio, è possibile presentare domanda per l’indennità di disoccupazione agricola – spiega Cristina Modenesi responsabile provinciale del Patronato Enapa -. I lavoratori agricoli, italiani e immigrati regolari, che hanno lavorato per parte dell’anno 2019 hanno diritto all’indennità di disoccupazione e devono presentare la domanda all’INPS tramite il patronato entro e non oltre il 31 marzo 2020”.
Questi i requisiti per ottenere l’indennità: essere iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli dipendenti, aver avuto un rapporto di lavoro agricolo a tempo determinato nel 2019 o indeterminato per parte dell'anno; avere almeno due anni di anzianità nell'assicurazione contro la disoccupazione involontaria (mediante l'iscrizione negli elenchi agricoli per almeno due anni o, in alternativa, con l'iscrizione negli elenchi per l'anno 2019 e l'accreditamento di un contributo contro la disoccupazione involontaria per attività dipendente non agricola precedente al biennio di riferimento della prestazione); avere almeno 102 giornate lavorative con i relativi contributi nel biennio 2018-2019 (tale requisito può essere perfezionato mediante il cumulo con la contribuzione relativa ad attività dipendente non agricola purché l'attività agricola sia prevalente nell'anno o nel biennio di riferimento). Possono essere utilizzati, per raggiungere i 102 contributi, anche quelli figurativi relativi a periodi di maternità obbligatoria e di congedo parentale, compresi nel biennio utile.
“Contestualmente alla domanda di disoccupazione può essere richiesto, se spettante, l’assegno per il nucleo familiare – sottolinea Modenesi - è importante, però, che i lavoratori si rechino al più presto negli uffici del patronato Enapa per avviare l’iter della domanda. Possono trovare i nostri referenti presso la sede di Confagricoltura a Piacenza in Via Colombo, 35 al secondo piano, oppure in ciascun ufficio di zona dell’associazione. Infine, chi presenterà la disoccupazione agricola attraverso il nostro patronato, potrà, in collaborazione con il nostro Caf, elaborare il proprio 730/20 ad un prezzo agevolato”.







  • 14/1/2020   -   5 letture  
  • Stampa questo articolo Stampa