BUONE NOTIZIE DALL'ESAME DELLO STOCK DI IMPRESE FEMMINILI REGISTRATE A PIACENZA ALLA FINE DEL PRIMO TRIMESTRE IN CCIAA

  di: Ufficio Studi Camera Di Commercio

Leggera crescita tendenziale nello stock. Le imprese femminili a Piacenza alla fine del primo trimestre del 2016 sono risultate 6.443, ovvero il 21,5% del totale delle imprese registrate. Rispetto al primo trimestre del 2015 si è verificato un piccolo incremento complessivo (+0,3%), tanto più significativo se si ricorda che il numero delle imprese nel suo complesso è invece calato. Il dato di incidenza è in linea con il valore nazionale (21,7%) e di circa un punto percentuale più elevato di quello regionale (20,3%). L’incidenza si modifica se le imprese femminili sono ripartite per forma giuridica e risulta più alta nel caso delle imprese individuali (25,7%). Questo vuol dire che le aziende gestite dalle donne sono tendenzialmente meno strutturate. Un settore a forte presenza femminile è quello del turismo: il 37,2% delle imprese piacentine è a guida femminile. In agricoltura, nel commercio e nelle assicurazioni e credito circa un quarto delle aziende è in mano alle donne.
Trasporti e costruzioni sono per contro i settori a minore incidenza femminile. Nel corso del primo trimestre del 2016 le iscrizioni di aziende femminili sono state 152, il 2% in più rispetto al primo trimestre del 2015. Il maggior numero di nuove iscrizioni si è collocato nel commercio (23), 25 sono state classificate nei servizi alle imprese, 15 nel turismo e 19 in agricoltura. Nel corso del primo trimestre del 2015 il numero delle iscrizioni in agricoltura era stato più contenuto (11) ma per contro c’erano state aperture più numerose nel commercio e nel turismo.
Il confronto tendenziale operato a livello di territori limitrofi segnala che il mondo dell’impresa femminile ha retto nell’ultimo anno, a livello di consistenze. Un dato negativo di variazione è infatti ascrivibile alla sola provincia di Pavia.





  • 16/5/2016   -   1111 letture  
  • Stampa questo articolo Stampa